Home Le News dai Clown (Archivio) prime battute sui 20 anni della nostra associazione

prime battute sui 20 anni della nostra associazione

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

v\:* {behavior:url(#default#VML);} o\:* {behavior:url(#default#VML);} w\:* {behavior:url(#default#VML);} .shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal 0 false 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:10.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:115%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri",sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-fareast-language:EN-US;}

 


 

I Dottor Clown compiono 20 anni. Sono vent’anni che siamo sul territorio. Prima come Dottor Clown Italia – Ancis Aureilano ONLUS e successivamente come confederazione che include Dottor Clown Vicenza, Dottor Clown Belluno, Dottor Clown Padova, Dottor Clown Verona, Dottor Clown Noventa Vicentina, Dottor Clown Rovigo, Dottor Clown Sardegna, Dottor Clown Racalmuto in Sicilia, Dottor Clown Elda in Spagna, Kittry Kittry Clown School in India e due scuole di clown in Kenya e Tanzania.

Da quando l’associazione fu fondata, si è sempre prefissata l’intento di portare un sorriso ed a volte anche moto di più laddove le genti ne avessero maggiormente bisogno. Come base di partenza, 20 anni fa, il Dipartimento di Pediatria all’Ospedale San Bortolo di Vicenza. Da allora, ed attraverso la formazione continua sia dei clown nuovi ed anche di quelli più datati, l’associazione ha allargato il suo bacino di utenze a diversi ospedali come ad esempio Arzignano e prossimamente anche a San Bonifacio.

Dagli ospedali, dove prestiamo servizio in moltissimi dipartimenti (vedi Pediatria, Pediatria Pediatrica, Maxillo Facciale, Disturbi Alimentari, Riabilitazione, Pronto Soccorso, Geriatria, Ostetricia e Ginecologia, Chirurgia, Oncologia, Day Hospital, Chemioterapia e Hospice ed anche la “stanza dei bottoni” dove medici ed infermieri ricevono e smistano le richieste di pronto intervento dei cittadini. Anche nella stanza dei bottoni la tensione è sempre molto alta ed i clown, con qualche sorriso, abbraccio e piccola magia, riescono a dare un mano ai “colleghi” delle ambulanze.

Prestiamo servizio anche nelle case di riposo, nelle cooperative per le diverse abilità e gestiamo una piccola scuola serale di circo presso la palestra di Caldogno.

Ad oggi, la confederazione è dotata di due ambulanze ovvero AmbulaClown, che vengono utilizzate sia per gli spostamenti di clown sia per il trasferimento di tutte le attrezzature che utilizziamo durante i nostri interventi. Dagli abiti di scena agli oggetti di giocoleria, dalle biciclette da circo monocicli a quanto serve per gli spettacoli di fuoco. A volte le usiamo anche per accompagnare i bambini in ospedale prima di un intervento chirurgico. Divertono moltissimo e riducono notevolmente lo stress così colorate con cose che appendono ed ondeggiano in ogni dove. Non sono proprio nuovissime, anzi, una è veramente vecchiotta ma a noi piacciono così proprio perché sono clownesche e divertenti.

Dagli ospedali ci siamo trasferiti nelle zone dei terremoti sin dal lontano 2007 dove eravamo settimanalmente presenti nei campi tendi e nei villaggi MAP (Moduli Abitativi Provvisori) dell’Abruzzo, poi in Emilia e successivamente in Amatrice dove una nostra clown si trasferì a vivere per un anno e più nel tentativo di non lasciare sole le persone fortemente traumatizzate.

L’anno scorso eravamo presenti anche a Belluno subito dopo la tempesta Vaja a spalare fango e ad aiutare la popolazione colpita dalle alluvioni ed in Pellestrina di Venezia tre settimane fa e dove ritorneremo il 21 dicembre per abbracciare e coccolare le persone così fortemente colpite dalle numerose alluvioni di questo autunno appena trascorso.

Le nostre missioni si estendono anche a livello internazionale: India, Africa, Palestina, Brasile ed ovunque riteniamo sia necessario e giusto andare per prestare un sorriso e divertire le persone.

I Luoghi che visitiamo sono sempre ospedali, case di accoglienza, orfanatrofi, favelas, campi profughi, strutture che accolgono le diverse abilità più o meno gravi.

Il Presidente della Repubblica Italiana ci ha conferito due medaglie d’oro. Una per la missione in Palestina nel 2018 ed un per la missione in Brasile nel 2019.

Con poche righe andremo a riassumere laddove abbiamo devoluto i fondi che ci avete affidato.

Nel agosto del 2017 alla Fonte della Tessitura di Camposto. Piccola bottega artigiana di Assunta Perilli, maestra tessitrice riconosciuta a livello nazionale per i suoi studi archeologici ed antropologici sulla storia e le arti della tessitura. La bottega fu rasa al suolo con i terremoti del gennaio 2017 (già fortemente segnata dai terremoti Amatriciani del 2016). Con il vostro contributo, assieme al contributo di molti altri, è stato possibile per lei acquistare una casetta in legno, sistemarla in centro al paese, coimbentarla e ricavarne una nuova tessitura dove, ad oggi, ella lavora.

Nel aprile del 2018 con i vostri fondi Thea ha lasciato, in equa misura, denari al Caritas Baby Hospital di Betlemme (unico centro di chirurgia pediatrica oncologia di tutta la Palestina), all’orfanatrofio La Crèche sempre di Betlemme che ospita circa 110 bambini tra gli 0 ed i 6 anni ed alla Tent of Nations Building Bridges ai margini di Betlemme lungo la strada verso Gaza, dove un fratello ed una sorella hanno aperto i loro terreni ed uliveti ai giovani di tutto il mondo per resistere agli attacchi dei coloni israeliani. Qui la storia è molto lunga, ma se vorrete, un giorno ve la potremo narrare.

Nel giugno del 2019 avete affidato a Thea 1000 euro da mandare in Palestina. Dopo un paio d’ore dalla consegna del denaro ella riuscì, dopo lunghe discussioni in banca (sostenevano che la Palestina fosse una paese a rischio), a far trasferire in soldi in Palestina attraverso un semplice bonifico bancario. I soldi furono spediti direttamente al Alrowwad Cultural and Arts Society all’interno del Aida Refugee Camp di Betlemme che accoglie più di 5500 persone. Il centro culturale fornisce l’educazione dei bambini residenti nel campo e non solo, progetti destinati alle donne come il ricamo, il cucito e la tessitura nonché laboratori di teatro, di canto, di computer ed altre attività di questo genere.

I soldi donati in generale all’associazione Dottor Clown Italia – Ancis Aureliano Onlus vengono investiti nell’acquisto di nuovi materiali clown (dalle micromagie ai moncicli e molto di più), nel supporto delle missioni internazionali, negli spostamenti da e per le zone terremotate, come contributo per l’acquisto della nostra seconda ambulanza avvenuto qualche mese fa e nel supportare la formazione continua dei nostri clown, vecchi e nuovi che siano.

BY thea By thea

 

 

© Dottor Clown Italia This is a free Joomla-Template from funky-visions.de

Notizie flash

Care and Share India 06 novembre alle ore 15.41 ------------------------------------------ Hello everyone. I just returned from India. The children are doing wonderful and it was so nice to spend some time with them. Most urgently we are in need of sponsors since we have over 100 unsponsored children and 80 that have not fullfilled their commitment. If you or anyone you know would like to sponsor a child, please visit the website www.careshareworld.org